Beyond the word’s barriers

By Francesca Maltagliati

A project aimed to develop and test new training and education methodologies based on non-verbal communication, in adult education with social inclusion purposes.

“I’m Giulia. Nice to meet you! I’m 19. I live in Buggiano. I go to school at the Sismondi Senior High. I’m going to tell you about my day”. Giulia is a young adult with disabilities and her story is only one of many stories that are the result of the T & D Stories Project.  This project is aimed to develop and test new training and education methodologies based on non-verbal communication, in adult education with social inclusion purposes. The word and the verbal language aren’t the only way to communicate. In some cases the word can represent a barrier, especially for people with disabilities or for migrants. For this reason the project has used the theater and the digital storytelling to allow people who have difficulties with verbal language to communicate.

By a theater or a video it’s possible tell a story.  Using simple tools as a smartphone or as a puppet it’s possible communicate and express an opinion, a point of view, and tell our story. The theater and the video can become important didactic tools. The project was made possible thanks to an Erasmus Plus grant – Key Action 2 “Cooperation for Innovation and the Exchange of good Practices”, and involved four European Countries: Poland, Italy, Republic of Ireland and Iceland. Starting by the important experience of Artistic Association Teatr Grodzki, project’s proponent and coordinator, the partnership implemented in each country workshops on such methods to communicate. The result is: a work which lasted 2 years (the project will finish by October 2017), during which the participants made about 20 videos or theater workshops with puppets. The people who attended are about 70: migrants, people with disabilities, teachers, trainers, students, returning-migrants. In Italy the participant organization, the Fondazione Nazionale Carlo Collodi, has involved the Sismondi Senior High School, particularly the students with disabilities, like Giulia, who could find a new way to tell their story, their life.  It was a new experience in the field of education of young adult with disabilities, an experience made possible thanks to Europe and it will be repeat and extend. During the project’s meeting a group of representatives of the partners entered in the school and this has allowed Europe to get closer to the students. In Iceland, thanks the puppets theater some refugee women began to speak without language. By video, music, pictures, puppets it’s possible say more than by the word, and bring people closer together. For more information about the project there is a YouTube channel: http://www.youtube.com/channel/UCsPO51zgCtYJ6WDchbV-6Bw/videos and a web site: http://artescommunity.eu/storytelling/.

Annunci

Europa Creativa

Europa Creativa è il programma dell’Unione Europea dedicato al settore culturale e creativo. Per il periodo 2014 – 2020 sono stati messi a disposizione fondi per 1,46 miliardi di euro per sostenere progetti culturali di vario tipo. Gli obiettivi generali del programma sono: promuovere e salvaguardare la diversità linguistica e culturale europea; rafforzare la competitività del settore culturale e creativo per promuovere una crescita economica intelligente, sostenibile e inclusiva.

Ci siamo messi a studiare un po’ perché in periodi di magra come sono, oramai da troppo tempo, quelli attuali, le amministrazioni pubbliche investono sempre meno in cultura. Riteniamo però che proprio quest’ultima sia il motore più potente per la crescita, anche economica (alla faccia di chi afferma che “di cultura non si mangia), dei territori. Per questo stiamo pensando a come costruire un progetto che parli di arte, dal respiro europeo, che coinvolga il nostro territorio. Siamo ancora all’inizio per cui c’è poco da dire. Certamente, visto che pensiamo davvero che dalla partecipazione nascano le migliori cose (Sgranar per Colli docet), auspichiamo che chiunque sia interessato dia il suo contributo. Le vostre opinioni e le vostre idee saranno per noi utilissime e ci aiuteranno a costruire un progetto migliore e davvero rispondente alle istanze che provengono dal territorio.

A presto!

Sgranar per Colli

Eccoci qui a presentarvi un’iniziativa che giunge quest’anno alla sua seconda edizione e di cui per la prima volta anche Ape si occupa. Si tratta di una manifestazione che valorizza e riscopre il territorio, le sue bellezze e le sue peculiarità ed è proprio per tutti questi motivi che, quando lo staff organizzativo ci ha chiesto se volevamo far parte della squadra, abbiamo deciso subito di dire di sì. L’inziativa si chiama “Sgranar per Colli” e si terrà il 20 e il 21 maggio. Si tratta di una camminata degustativa all’interno del territorio di Borgo a Buggiano. Ben 13 chilometri attraverso le colline e i borghi storici di un luogo poco apprezzato da chi ogni giorno non lo vive e non può quindi conoscerne le bellezze storiche e ambientali. Lungo tutto il percorso che attraversa i piccoli borghi medioevali di Buggiano Castello, Colle e Stignano e che si concluderà all’interno della splendida Villa Bellavista, tanti stand eno-gastronomici con i prodotti tipici della Toscana da poter degustare e assaggiare. Insomma una giornata da non perdere che sarà preceduta da un sabato ricco di spettacoli e sorprese. Per saperne di più www.sgranarpercolli.it